domenica 6 luglio 2008

La Caduta di Dayworld


da LA CADUTA DI DAYWORLD di Philip Josè Farmer - Editoriale Nord

L'immissione di quel codice aveva provocato un simultaneo afflusso d'energia in tutti gli impietritori. I cittadini disimpietriti avrebbero creduto che quello fosse il loro giorno prefissato. I cittadini di martedi, mercoledi, giovedi, sabato, domenica e lunedi sarebbero caduti in preda alla confusione una volta constatato che tutti quanti erano stati disimpietriti.

Duncan cercava di immaginarsi lo shock e il caos che in quel momento stava sconvolgendo le torri. Più di centoquaranta milioni di individui sarebbero stati concentrati in un ambiente che ne poteva contenere solamente venti milioni al giorno.
Posta un commento
Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...